CENTRO ESTIVO COMUNALE, IL SIPARIO E’ CALATO.

Lunedì sera è calato il sipario sulla commedia messa in atto dall’Assessore ai servizi educativi Agata Dalò in merito ai centri estivi comunali.

In questa trama l’Assessore Dalò decide, non si sa se per propria scelta o su indicazione del Sindaco, che il centro estivo per l’anno 2018 non si farà.

Tale decisione, a detta dell’Assessore, era stata presa ad ottobre 2017 ma la notizia viene nascosta tant’è che nel Consiglio Comunale del 28 novembre 2017 l’Assessore presenta il PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO contenente, a pagina 11, il capitolo “3.7 Centri estivi”.

Sempre durante tale Consiglio Comunale l’Assessore Dalo’ dichiara:”Abbiamo comunque deciso di metterlo nel Piano di Diritto allo studio, però ritengo anche che, siccome l’offerta formativa per quanto riguarda i centri estivi si è alzata di moltissimo negli ultimi anni, non solo da parte delle parrocchie, ma anche da parte di altri enti, ritengo che se saremo in grado di farla in maniera più strutturata, saranno mantenuti, sennò faremo delle scelte differenti, ma questo poi lo vedremo alla fine dell’anno scolastico.”.

Il tempo passa e ai primi di aprile una mamma entra nella cartoleria gestita dall’Assessore Dalò, chiede informazioni sull’attivazione del centro estivo e, sorpresa delle sorprese, viene comunicato, con una superficialità disarmante, che per l’anno corrente non ci sarà alcun centro estivo e che la decisione è stata presa in Consiglio Comunale.

Parte la fuga di notizie e arriva al Co.Ge.Pace che subito ci interpella. Dopo una veloce verifica comunichiamo e trasmettiamo i documenti della seduta Consiliare del 28 novembre 2017 per dimostrare come sono andate realmente le cose.

I Comitati Genitori a questo punto chiedono subito un incontro con l’Amministrazione per rivedere la scelta presa. Il 20 aprile c’è un primo incontro al termine del quale “il COMUNE HA DATO LA DISPONIBILITÀ a verificare la possibilità di concedere gli spazi PER RIATTIVARE IL SERVIZIO entro settimana prossima.”

Successivamente, in data 23 aprile 2018, viene pubblicato sul sito del Comune di Limbiate quanto segue: “La prossima estate non verranno organizzati i centri estivi comunali, ma non per questo verrà meno l’offerta per le famiglie di Limbiate, in quanto l’Amministrazione ha avviato una collaborazione con le realtà presenti sul territorio per garantire un’offerta di qualità durante il periodo estivo. A fare prendere questa decisione al Comune di Limbiate è stata la defezione della cooperativa che lo scorso anno ha gestito i centri estivi comunali organizzati nelle scuole, che ha manifestato l’impossibilità a proseguire il percorso alla cifra di 75 euro per bambino a settimana. La scelta dell’Amministrazione, visto anche che gli utenti dei centri estivi comunali lo scorso anno sono stati 25 a settimana (per un totale massimo di 70 iscritti), è stata, anziché alzare la quota di partecipazione, quella di valorizzare le tante offerte già esistenti…..” “Tutte queste realtà – ha spiegato il Sindaco Antonio Romeo –coprono perfettamente le richieste delle famiglie, garantendo qualità e sicurezza. Con le materne paritarie e gli oratori che ne faranno richiesta, siamo altresì disponibili a siglare una convenzione per aiutare queste realtà con il sostegno ai disabili”

Analizzando le offerte delle “altre realtà” si evidenzia una forte criticità per il periodo che va dalla seconda metà di luglio a tutto agosto.

In data 2 maggio si tiene un incontro tra i rappresentanti dei Comitati Genitori dei 3 istituti comprensivi di Limbiate e l’Amministrazione Comunale nel corso del quale, quest’ultima, si è resa DISPONIBILE ad attivare anche quest’anno i centri estivi comunali se le vengono forniti i numeri delle famiglie interessate.

Viene attivata così una raccolta firme che vede il raggiungimento di 157 adesioni raccolte in sole 2 ore proprio prima del Consiglio Comunale nel quale era presente all’ordine del giorno la mozione sulla riattivazione del centro estivo a firma Limbiate Solidale e PD e appoggiata dal Movimento 5 Stelle, mozione che viene bocciata dall’intera maggioranza di centro destra e che porta però l’Assessore Dalò a prendere in considerazione la riattivazione del centro estivo.

Sarà la volta buona visto il dietrofront comunicato il 23 aprile?

Parrebbe di sì visto che in data 11 maggio i Comitati Genitori ricevono richiesta da parte dell’Assessore Dalo’ di invitare TUTTI I GENITORI INTERESSATI ad effettuare la PRE ISCRIZIONE fissando un incontro per lunedì 14 maggio presso la Sala Matrimoni del Palazzo Municipale.

La sala è piena, i genitori son lì ormai certi, vista la partecipazione, che i centri estivi si faranno. Ma, ahinoi, ecco l’atto finale di questa commedia: l’Assessore Dalò comunica che non ci sono i tempi tecnici per far partire il servizio in tempo e che, in parole povere, non ne vale la pena attivare la procedura per mettere in piedi il servizio.

Con non poche polemiche molti Cittadini abbandonano la sala, colti probabilmente dal disgusto più profondo. L’unica nota positiva è quella che vede la dirigente Curcio prendersi l’impegno di rivedere la convenzione con la piscina e garantire un sostegno ai bambini con disabilità che verranno iscritti ai centri estivi di altri comuni.

Abbiamo parlato, all’inizio di questo articolo, di avere assistito ad una commedia (che di lieto fine ha ben poco) perché di questo trattasi, considerando:

  • La finta disponibilità dell’Amministrazione Comunale a riattivare il centro estivo con diversi tira e molla che hanno portato ad una data (probabilmente voluta) che non permetteva di attivare il servizio in tempo.
  • La richiesta assurda, fatta ai Comitati Genitori, di prendersi la responsabilità di ingaggiare una cooperativa e attivare il CRE.
  • L’incapacità (più probabilmente il menefreghismo) dell’Assessore Daló di accogliere i bisogni della Cittadinanza.
  • Il Consiglio Comunale del 28 novembre 2017 ha approvato il Piano di Diritto allo Studio contenente i centri estivi.
  • L’azione in extremis di attivare un centro estivo presso il centro sportivo di via Tolstoj.

A questo punto, Il degno finale di questa commedia, ci auguriamo di vederlo alle prossime elezioni comunali, quando i Cittadini valuteranno e metteranno sul piatto le cose fatte, o meglio, le cose NON fatte.

 

MoVimento 5 Stelle Limbiate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Contact Form Powered By : XYZScripts.com

MoVimento 5 Stelle Limbiate o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina informativa.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi