EMENDAMENTO DI FRATELLI D’ITALIA, CERCHIAMO DI CHIARIRCI.

smentita_20161223-184335

Il gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle Limbiate, riguardo la notizia riportata dal Giornale di Desio del 20 Dicembre 2016, nell’articolo avente come titolo “Porte chiuse alle moschee”, ritiene doveroso chiarire alla cittadinanza cosa è realmente accaduto precisando totale dissociazione con quanto riportato.
Iniziamo col precisare che non si è votato pro o contro l’apertura di eventuali luoghi di culto ma che, oggetto della discussione, era una modifica puramente tecnica, votata favorevolmente, che NON NE VIETERA’ eventuali aperture future.

Il gruppo Consiliare Fratelli D’Italia chiedeva in realtà, con un suo emendamento, una modifica al Piano delle Regole del Comune di Limbiate, a seguito di alcuni accorgimenti apportati alla legge regionale 12 del 2005 , per evitare contraddizioni future nella stesura dei nuovi piani di governo del territorio (PGT).

Richiesta che abbiamo ritenuto congrua nelle considerazioni e nell’aspetto tecnico.

Prima delle modifiche all’art.72 della Legge Regionale, questa demandava al piano dei servizi di ciascun Comune il compito di individuare, dimensionare e disciplinare le aree che accogliessero attrezzature religiose o che fossero a ciò destinate. Tra l’altro, lo stesso articolo prescriveva che il piano dei servizi assicurasse nuove aree per le attrezzature religiose in tutti i nuovi insediamenti residenziali, qualunque fosse la dotazione di tali attrezzature già esistente e consentiva ai Comuni la previsione di aree destinate ad accogliere attrezzature religiose di interesse sovra comunale stabilendo che queste aree fossero ripartite tra gli enti che ne avessero fatto istanza in base alla consistenza e incidenza sociale delle rispettive confessioni. Piano delle Regole del Comune di Limbiate.

Questa era la ragione per cui l’art. 30 del Piano delle Regole del Comune di Limbiate, prima della modifica decisa nel consiglio comunale di sabato 17 Dicembre, regolamentava anche l’eventuale creazione di luoghi di culto nel PGT di Limbiate.

A seguito di modifica, l’art. 72 attualmente prevede che individuazione, dimensionamento e disciplina delle aree che accolgono o sono destinate ad accogliere attrezzature religiose avvenga attraverso il Piano delle Attrezzature Religiose, un atto separato facente parte del piano dei servizi.

Inoltre con le modifiche apportate l’installazione di nuove attrezzature religiose presuppone l’approvazione del piano omonimo, il quale deve avvenire con le stesse procedure previste per gli altri piani che compongono il Piano di Governo del Territorio e nel relativo procedimento, vengono acquisiti i pareri di organizzazioni, comitati di cittadini, esponenti e rappresentanti delle forze dell’ordine oltre agli uffici provinciali di questura e prefettura al fine di valutare possibili profili di sicurezza pubblica, fatta salva l’autonomia degli organi statali.

Sempre l’art. 72, oltre a disporre in merito alla possibile valenza sovra comunale del Piano delle Attrezzature Religiose, stabilisce che il piano debba prevedere la presenza o, altrimenti, l’esecuzione o adeguamento, con onere a carico dei richiedenti, di strade di collegamento, di adeguate opere di urbanizzazione primaria, distanze adeguate tra aree ed edifici destinati a confessioni diverse, spazi da destinare a parcheggi, impianti di videosorveglianza, realizzazione di adeguati servizi igienici e l’accessibilità ai disabili nonché la congruità architettonica e dimensionale degli edifici di culto previsti con le caratteristiche generali e peculiari del paesaggio lombardo.

Queste appena descritte sono le motivazioni per le quali il nostro gruppo ha votato a favore dell’emendamento oggetto dell’articolo.

Modifica che non chiude le porte a nessuno, ma che invece eviterà future controversie politiche, tecniche e propagandistiche.

A seguito di quanto tecnicamente precisato, questo gruppo Consiliare ribadisce che quanto riportato nell’articolo in questione, non rappresenta in toto la verità, ribadendo a chi propaganda sul culto religioso che “Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge” come prevede l’art. 8 della Costituzione Italiana per cui, mai questo gruppo si opporrà alla costruzione di luoghi dedicati, a patto che ciò avvenga sempre e comunque nel rispetto delle leggi e dei regolamenti vigenti.

Il gruppo Consiliare

Movimento 5 Stelle Limbiate

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Form Powered By : XYZScripts.com

MoVimento 5 Stelle Limbiate o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina informativa.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi