ACCORDO A2A CON AEB: QUANDO SI GUARDA PIÙ AI PROFITTI CHE AI SERVIZI.

Nel Consiglio Comunale appena trascorso, tra i punti all’ordine del giorno in discussione c’era l’accordo tra A2A e AEB (Ambiente Energia Brianza).

Nonostante AEB manterrà il 66% delle azioni societarie, tale operazione chiaramente è a vantaggio di A2A.

Nel nuovo assetto infatti 5 consiglieri su 10 saranno nominati da A2A e soprattutto l’Amministratore delegato della nuova società sarà nominato sempre da A2A. Questo vuol dire che in caso di vedute discordanti tra i consiglieri delle due parti, A2A avrà un potere decisionale incontrastante!

Dato il poco tempo in cui c’è stata consegnata la documentazione e l’assenza di elementi sufficienti per poter giudicare un’operazione molto complicata (come dichiarato dallo stesso dirigente dell’area finanziaria del Comune di Limbiate) e soprattutto l’impossibilità di verificare i patti parasociali, ovvero gli accordi presi per la tutela dei lavoratori di AEB, abbiamo deciso di chiedere la questione pregiudiziale o sospensiva come specificato nell’articolo 81 del regolamento del Consiglio Comunale e il conseguente rinvio della discussione alla successiva adunanza

La richiesta e’ stata bocciata dal Consiglio Comunale.

A questo punto, come Gruppo Consiliare, abbiamo deciso di non partecipare al voto.

L’accordo e’ passato con i voti favorevoli della maggioranza di centrodestra e della minoranza di centrosinistra.

Vediamo questa operazione come un’operazione meramente commerciale, in cui si guarda più ai profitti che ai servizi offerti, in un momento storico come questo di incertezza finanziaria globale.

MoVimento 5 Stelle Limbiate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.